Galleria delle Erbe


''


Contenuto

Una pianta per la salute

L'Iperico (Hypericum perforatum L.)

Icona

L’iperico è una pianta erbacea che cresce in campagna e ai margini dei boschi di conifere: è perenne, ha un corto rizoma con fusto eretto, rossastro, legnoso, molto ramificato ed alto fino ad 1 metro. Le foglie sono opposte, prive di picciolo, ovali-lanceolate provviste di numerose ghiandole ricche di olio essenziale. I suoi fiori, di un bellissimo giallo oro, che invoglia alla gioia, fioriscono in giugno e luglio: se si strofinano tra le dita, colorano la pelle di rosso a causa di un particolare pigmento rossastro chiamato ipericina, una sostanza farmacologicamente molto efficace per curare varie patologie.

Dell'Iperico si utilizzano le foglie e le sommità fiorite raccolte durante l'estate e fatte rapidamente essiccare in luoghi bui e ben ventilati.

Vediamo le principali proprietà della “pianta del sorriso”:

Affaticamento e lo stress epatico:

L´iperico è un disintossicante del fegato. Tra i vari effetti farmacologici, studiati e pubblicati in alcune delle più serie riviste scientifiche mediche, agisce anche su un mediatore epatico (il citocromo p450) legato alla disintossicazione delle sostanze chimiche. Va assunto sotto forma di tisana, o macerato glicerico (30 gocce 2 volte al dì)

Spossatezza e Depressione:

La tisana, la tintura madre o il macerato glicemico hanno un´ottima azione antidepressiva e tonificante per i nervi. È una delle piante ormai più conosciute ed entrate nell’uso comune come uno dei più efficaci tra i rimedi naturali contro la depressione. La sua azione in effetti è stata studiata in numerose ricerche scientifiche, che ne hanno confermato in pieno l’indicazione per le forme di depressione lieve e media, inizialmente con qualche dubbio invece per le forme di depressione maggiore.

In Germania è utilizzato dal 50% degli psichiatri. Per momenti di stanchezza mentale o calo dell´umore il macerato si possono assumere 30 gocce di macerato 3 volte al dì.

Nevriti, Infiammazioni del trigemino, Herpes simplex e zooster (fuoco di San Antonio), Sciatiche e Lombalgie:

L´iperico, che va utilizzato sotto forma di olio facendone delle frizioni, ha una funzione protettiva del sistema nervoso periferico.

Postumi di traumi:

Ben nota è l’azione antinfiammatoria, antinevralgica e ricostruttrice tessutale esercitata dall´olio (oleolito) di iperico. I lavaggi con il decotto di Iperico si utilizzano per le infiammazioni della pelle, mentre i cataplasmi dei fiori freschi sono ottimi cicatrizzanti. Aggiunto all'acqua del bagno ha un effetto tonificante e nutriente.

Raffreddore, Tosse e Catarri recidivanti:

L´infuso di iperico è ottimo come espettorante dell´apparato respiratorio, ma va assunto regolarmente per almeno 15-20 giorni 2-3 tazze al dì.

<>