Galleria delle Erbe


''


Contenuto

Una pianta per la salute

L'Ippocastano (Aesculus Hyppocastanum)

Icona

L’ippocastano (Aesculus hippocastanum) è un grande albero della famiglia delle Ippocastanacee che può raggiungere un’altezza di 25 metri, caratterizzato da una chioma ampia e folta. Il nome deriva dall’abitudine ad utilizzarlo come alimento per i cavalli bolsi, ossia con difficoltà di respirazione.

Ha foglie grandi e palmato-composte,i fiori hanno forma di una pannocchia eretta, con petali rossi (o bianchi con macchie rosse), e sbocciano tra aprile e maggio. I frutti (le nostre "castagne matte") non sono commestibili, bensì tossici.

Di questa pianta si utilizzano la corteccia dei rami giovani, le gemme, le foglie e i semi, ricchi di principia attivi, tra cui spicca l'escina, molto utilizzata in specialità medicinali.

In particolare i semi e le gemme rivelano numerose proprietà terapeutiche nel distretto venoso.

L’escina viene utilizzata per le sue proprietà antiinfiammatorie, anti-edemigene, vasoprotrettrici e antiflogistiche. Ha l’attività di inibire l’attività enzimatica lisosomiale e diminuire la permeabilità capillare, con ripercussioni positive sull’edema, la flogosi e il tono vasale.

Le foglie, che contengono cumarine glucosidiche, tannini e tracce di escina, sono utilizzate per tisane contro la tosse, l’artrite, le vene varicose.

<>